Benvenuto sul sito del Tribunale di Sorveglianza di Roma

Tribunale di Sorveglianza di Roma - Ministero della Giustizia

Tribunale di Sorveglianza di Roma
Ti trovi in:

Il Tribunale di Sorveglianza

Il Tribunale di Sorveglianza è l'Organo Giurisdizionale collegiale della Magistratura di Sorveglianza, mentre l’Ufficio di Sorveglianza (Magistrato di Sorveglianza) svolge le funzioni attribuitegli dalla legge come Organo monocratico. Il Tribunale, Giudice collegiale, opera sia come Ufficio di primo grado che come Giudice di secondo grado in ordine alle decisioni assunte dal Magistrato di Sorveglianza. La competenza territoriale del Tribunale di Sorveglianza di Roma coincide con l’intero Distretto della Corte di Appello di Roma (quindi con l’intero territorio della Regione Lazio). Il Tribunale, nella sua funzione di Giudice collegiale, è composto da magistrati di Sorveglianza individuati, secondo i criteri tabellari, tra quelli in servizio presso tutti gli Uffici di Sorveglianza del Distretto, nonché da professionisti esperti in psicologia, medicina, servizi sociali, pedagogia, psichiatria e criminologia clinica. La Giurisdizione della Magistratura di Sorveglianza si inserisce nel più ampio contesto dell’esecuzione della pena, che coinvolge anche altri Uffici Giudiziari penali, giudicanti e requirenti, ed è destinata ad apprestare una tutela di carattere giurisdizionale alla fase esecutiva della pena, sia essa intra-muraria che extra-muraria. Alla Giurisdizione di Sorveglianza il Legislatore ha assegnato infatti il compito di vigilare sull'esecuzione della pena, sull’ applicazione e l’esecuzione delle misure alternative alla detenzione, sull’esecuzione delle sanzioni sostitutive, sull’applicazione ed esecuzione delle misure di sicurezza e molto altro (artt. 677 c.p.p. ss.). La competenza del Tribunale di Sorveglianza di Roma, inoltre, è stata estesa nel tempo, ad opera della legge, anche in via esclusiva, ed a livello nazionale, ad alcune materie come ad esempio quelle che riguardano i collaboratori di giustizia ed i procedimenti per reclamo avverso i provvedimenti ex art. 41 bis O.P. La competenza tabellare del Magistrato di Sorveglianza è stabilita anche sulla base dei singoli istituti penitenziari, ubicati nel territorio di competenza del proprio Ufficio, in ordine ai quali egli svolge la funzione di vigilanza.

Torna a inizio pagina Collapse